Chiama: +39 338 695 8244

Omeopatia e omotossicologia

L'omeopatia

L’omeopatia è un metodo clinico e terapeutico con il quale si valuta la malattia non solo nelle sue manifestazioni patologiche, ma anche nella complessità e globalità della persona.
Può essere utile in molti casi, con possibilità di miglioramento e di guarigione ed è applicabile in ogni fase della vita, da quella prenatale, all’infanzia, fino all’età adulta e la senescenza.
Al di là dell’esame obiettivo e della prescrizione terapeutica, grande importanza l’assume l’ascolto del paziente, delle sue problematiche, delle motivazioni che lo hanno portato a rivolgersi all’omeopata che è sempre un medico.
È fondamentale studiare nel dettaglio il disturbo, capirne lo storico, le cause e le caratteristiche che danno l’individualità del quadro sintomatologico.
Il vissuto personale assume una rilevanza particolare, perché non stiamo curando una malattia, ma una persona che soffre di una malattia e che manifesta le sue difficoltà in modi sempre unici e peculiari.

Omotossicologia

L’omotossicologia è considerata una corrente e insieme uno sviluppo dell’omeopatia: studia gli effetti che alcune tossine o fattori tossici, definite “omotossine”, hanno sull’essere umano e contempla l’idoneo trattamento omeopatico.
La terapia omotossicologica si basa sulla eliminazione dei fattori tossici dall’organismo, tramite la detossificazione il drenaggio.
Questo approccio ha una buona efficacia sulla prevenzione e nel trattamento delle patologie croniche o recidivanti, come sindrome premestruale, menopausa, sindrome del colon irritabile, alcuni tipi di cefalea, stanchezza cronica, fibromialgia ed altre patologie vascolari.
Mentre le terapie tradizionali si indirizzano maggiormente al controllo e alla soppressione del sintomo, l’omotossicologia mira a stimolare e a ripristinare le condizioni fisiologiche dell’organismo e la sua capacità di autoguarigione, al fine di prevenire l’insorgenza della malattia.